Eolico: primo parco galleggiante in Scozia

Molto interessante è il progetto di realizzare in Scozia il primo parco eolico galleggiante, che prevede l'utilizzo di piloni galleggianti, i quali consentono di posizionare gli impianti anche in zone più lontane dalla costa

da , il

    eolico primo parco galleggiante in scozia

    In tema di eolico marino piuttosto interessante appare l’intenzione di creare il primo parco galleggiante in Scozia. Si tratta di un progetto che non va sottovalutato, soprattutto per le innovazioni che esso comporta dal punto di vista tecnico e strutturale. L’iniziativa si rivela fondamentale anche per il fatto che è in grado di determinare il superamento delle difficoltà fino ad ora riscontrate nello sfruttamento dell’energia eolica in mare. Bisogna infatti ricordare che i piloni hanno bisogno di essere appoggiati sui fondali marini, in modo che non si capovolgano.

    Tutto ciò comporta il problema di non poter installare i parchi eolici su fondali profondi più di 60 o di 70 metri. In questo modo si è costretti a posizionare i piloni in zone più vicine alla costa, causando un impatto ambientale non trascurabile. Il progetto che si vuole realizzare in Scozia mira risolvere questo inconveniente, garantendo un migliore sfruttamento dell’energia eolica anche in mare.

    L’iniziativa infatti prevede l’utilizzo di piloni galleggianti, che verranno fissati a dei cavi d’acciaio in grado di fluttuare sull’acqua, avendo la parte inferiore cava. Un impatto zero dunque dal punto di vista ambientale, in grado di conciliare rispetto per l’ambiente e vantaggi derivanti dall’uso di una fonte di energia pulita.

    Da quanto è stato dichiarato sembra che i luoghi che accoglieranno i piloni galleggianti con le turbine della potenza unitaria di 2,3 MW sarebbero l’isola di Lewis e le zone costiere della contea di Aberdeen. Un progetto che è destinato a mettere in atto nuove potenzialità, in grado di aumentare le opportunità offerte dalle eco-energie.