Energie rinnovabili, esperimenti per condizionare l’aria negli ospedali

Energie rinnovabili, esperimenti per condizionare l’aria negli ospedali

Una partnership tra India e Germania sta dando luogo a una serie di esperimenti dai risultati piuttosto interessanti per quanto concerne le possibilità di riscaldare o di raffreddare in maniera ecologica gli ambienti degli ospedali

da in Energie Rinnovabili, In Evidenza, Inquinamento Aria
Ultimo aggiornamento:

    Condizionamento aria

    Una partnership tra India e Germania sta dando luogo a una serie di esperimenti dai risultati piuttosto interessanti per quanto concerne le possibilità di riscaldare o di raffreddare in maniera ecologica gli ambienti degli ospedali. A finire nell’ambito dei processi di testing delle nazioni è un ospedale di New Delhi, all’interno del quale un team di ricercatori sta cercando di dimostrare come sia possibile garantire un’adeguata temperatura dei locali con risparmio di buona parte della domanda energetica.

    Sulla base delle iniziative intraprese all’interno degli accordi di partnership, nell’ospedale pubblico verranno sostituiti i tradizionali impianti di condizionamento (che richiedono la fornitura di elettricità attraverso la rete di trasmissione locale) con nuove unità in grado di catturare energia da un generatore abbinato a un sistema di trattamento dei rifiuti.

    L’esperimento, se dovesse dare i risultati sperati, potrebbe essere ampliato anche in altre strutture statali della città. In India la richiesta di elettricità pro capite è cresciuta del 30% dal 2002 ad oggi, e nei prossimi anni il solo segmento del condizionamento dell’aria potrebbe arrivare a pesare per oltre il 35% del fabbisogno energetico nazionale.

    Nell’ospedale di New Delhi, dove la temperatura media estiva supera i 40 gradi, verrà inoltre installato un impianto di sfruttamento del gas naturale che potrà produrre simultaneamente aria fredda o calda, e fornire elettricità alle strutture mediche.

    272

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Energie RinnovabiliIn EvidenzaInquinamento Aria
    PIÙ POPOLARI