Ecomafie, il rapporto di Legambiente: il 47% dei reati al Sud Italia

Ecomafie, il rapporto di Legambiente: il 47% dei reati al Sud Italia

Legambiente ha presentato il rapporto ecomafie 2014

da in Sostenibilità Ambientale, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    ecomafie rapporto legambiente

    Ecomafie 2014 è il rapporto che Legambiente ha presentato sulle attività criminali legate alle tematiche green. In sintesi il dossier ha messo in evidenza che si è registrato un aumento dei reati che riguardano il ciclo dei rifiuti e la fauna. Va male anche, da questo punto di vista, il settore agroalimentare, con un raddoppio delle infrazioni. Non mancano, comunque, le buone notizie, visto che è diminuito il numero degli incendi dolosi.

    Dal rapporto della nota associazione ambientalista emergono dei dati molto significativi, in grado di mettere in risalto la situazione che si registra nel nostro Paese. E’ venuto fuori che il 47% dei reati ambientali è avvenuto in Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. Complessivamente il numero delle persone denunciate ammonta a 4.072, 51 sono gli arresti e 1.339 sono stati i sequestri. Seguono anche altre regioni italiane particolarmente esposte al fenomeno dell’ecocriminalità. Basti pensare in questo senso al Lazio, con 2.084 reati, e alla Liguria, con 1.431 infrazioni. Per quanto riguarda le province, invece, il primo posto in negativo spetta a Napoli. Seguono Roma, Salerno, Reggio Calabria e Bari. Il business che la criminalità organizzata riesce a conseguire da tutte le attività illecite che riguardano l’ambiente è pari a 15 miliardi di euro all’anno.

    IL DOSSIER DI LEGAMBIENTE

    ecomafia 2014

    I settori particolarmente coinvolti nei reati ambientali sono diversi.

    Il 22% è assegnato a quello della fauna, il 15% va al campo dei rifiuti e il 14% a quello del ciclo del cemento. Molto male è stato l’agroalimentare: 9.540 reati, più del doppio rispetto a quelli registrati nel rapporto precedente di Legambiente, che ammontavano a 4.173. Il bersaglio dell’ecomafia è anche la green economy, soprattutto per ciò che concerne i danni relativi alle energie rinnovabili. La criminalità agisce nell’ambito delle aziende del settore e adotta strategie sempre più sofisticate, che spesso vengono mascherate con delle attività legali. Non è solo l’Italia ad essere coinvolta da questo problema, perché il tutto si allarga anche all’intera Europa, soprattutto per ciò che riguarda quelle complicità che si riescono ad ottenere in seguito alla corruzione.

    Tutta l’economia è condizionata da questi fenomeni e alcuni settori ne risentono particolarmente, soprattutto quello che ha a che fare con la possibilità di sfruttare ecocompatibilmente i vantaggi delle risorse green in campo energetico. La buona notizia riguarda gli incendi dolosi. In questo campo c’è stata una contrazione del 63%. Anche se resta alto il numero di ettari coinvolti, sono diminuiti i reati, la quantità di persone denunciate e gli arresti. Nello specifico si è passati da 8.304 reati a 3.042, da 742 a 375 denunce, da 21 a 7 arresti e da 154 a 88 sequestri. Gli esperti sottolineano come questo risultato positivo si sia raggiunto grazie alla creazione del catasto delle aree bruciate e per mezzo di un monitoraggio sempre più attento che varie amministrazioni hanno deciso di applicare. Si spera che per i prossimi anni continui a restare in vigore questa tendenza.

    Guarda anche:

    Reati ambientali: 4 nuovi ‘delitti’ che verranno puniti
    Avellino e l’amianto della Isochimica: un pericolo per l’ambiente e la salute [VIDEO]
    Ilva di Taranto: storia e problemi dell’impianto più discusso d’Italia [FOTO]

    Foto di Rob

    647

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Sostenibilità AmbientaleTutela Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI