Ecoincentivi statali: annunciati nuovi fondi

Il ministro dello sviluppo economico Paolo Romani ha annunciato l'arrivo di nuovi fondi per gli incentivi statali

da , il

    incentivi statali nuovi fondi

    Ulteriori possibilità per gli incentivi statali, visto che sono stati annunciati nuovi fondi, presto disponibili per tutti quei consumatori che intendono usufruire delle agevolazioni. Un’occasione in più per sostituire i beni vecchi posseduti con quelli nuovi, i quali possono rivelarsi più adeguati al rispetto dell’ambiente e a mettere in atto forme di risparmio energetico, che vanno senz’altro a favore della sostenibilità ambientale. I settori che potranno maggiormente beneficiare dei nuovi incentivi sono quelli dei motocicli, della nautica, delle macchine agricole e della banda larga.

    I nuovi fondi messi a disposizione, pari a 110 milioni di euro, si collocano sulla scia degli incentivi per gli elettrodomestici, i quali sono stati già offerti a coloro che ne hanno fatto richiesta. Il ministro dello sviluppo economico Paolo Romani a proposito dei nuovi incentivi ha spiegato che essi corrispondono all’obiettivo di

    consentire da parte dei consumatori il pieno ed ottimale utilizzo delle risorse residue e di massimizzare i risultati che il Governo si era posto con il decreto a favore del sistema delle imprese, ossia il sostegno della domanda di mercato per la ripresa economica, di cui fortemente tuttora si avverte l’esigenza in un contesto di perdurante stagnazione.

    I nuovi fondi economici avranno in particolare lo scopo di promuovere l’efficienza energetica e l’ecocompatibilità. L’attenzione per le tematiche ambientali quindi è al primo posto. D’altronde l’instaurazione di un impatto ambientale che si rispetti necessita di opportune strategie volte ad incentivare le opportunità di un’azione meno dannosa nei confronti dell’ambiente.

    Gli incentivi nella loro prima fase hanno riscosso parecchio successo in alcuni settori, mentre non particolarmente bene sono andate le erogazioni finanziarie per quanto riguarda in particolare l’efficienza energetica industriale.