Disastro ambientale Ungheria: chiesto l’aiuto dell’UE

Disastro ambientale Ungheria: chiesto l’aiuto dell’UE

Per porre rimedio al disastro ambientale che l'ha colpita pochi giorni fa, l'Ungheria ha chiesto l'aiuto dell'Unione Europea

da in Impatto ambientale, Inquinamento, Inquinamento Acqua, Inquinamento Ambientale, Primo Piano, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    disastro ambientale ungheria aiuto unione europea

    In seguito al disastro ambientale che l’ha colpita l’Ungheria ha chiesto l’aiuto dell’Unione Europea. Un vero e proprio intervento internazionale, che dovrebbe riuscire ad essere portatore di assistenza nei confronti di un Paese che ha bisogno della collaborazione esterna per porre rimedio all’emergenza che si è verificata. Il tutto è iniziato pochi giorni fa, quando da un deposito di un impianto per la produzione di alluminio in Ungheria occidentale è fuoriuscito un milione di metri cubi di fanghi tossici, che hanno messo in pericolo persone e ambiente, provocando danni ingenti.

    Una situazione che si configura come terribile per quanto riguarda l’inquinamento ambientale e che presuppone la messa in atto di strategie di risanamento ambientale destinate a protrarsi a lungo nel tempo. Proprio per questo l’Ungheria ha deciso di ricorrere all’aiuto dell’Unione Europea, perchè un disastro del genere non può essere affrontato con poche forze. Nello specifico si prevede che, nell’ambito del piano degli aiuti internazionali, vengano mandati in Ungheria degli esperti in grado di valutare la situazione.

    Si tratterà di persone competenti nel settore della gestione dell’inquinamento e in quello della riduzione dell’impatto ambientale negativo, che dovrebbero agire nel modo più adeguato per limitare i danni provocati dai fanghi corrosivi. Un intervento internazionale dunque a favore della sostenibilità ambientale. Il problema più difficile da affrontare è quello che riguarda gli effetti riscontrabili sull’ecosistema.

    Non bisogna infatti dimenticare che i fanghi nocivi hanno raggiunto il Danubio, facendo sentire sempre di più l’allarme di un’eventuale contaminazione delle acque.

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Impatto ambientaleInquinamentoInquinamento AcquaInquinamento AmbientalePrimo PianoTutela Ambientale
    PIÙ POPOLARI