Come tagliare velocemente le verdure: una guida utile

Come tagliare velocemente le verdure: una guida utile

Imparare come tagliare velocemente le verdure con la stessa maestria di un vero chef si può! Ecco una guida utile per chi vuole imparare a farlo

da in Alimentazione Sana
Ultimo aggiornamento:

    Coltello da cuoco

    Imparare a tagliare velocemente le verdure non è un’operazione difficile: è sufficiente impugnare correttamente il coltello ed avere un po’ di tempo per esercitarsi. I coltelli da cucina, sono fra gli utensili più importanti per chi, per necessità, per professione o semplice diletto, deve cucinare. Avere il coltello giusto permette di sprecare meno tempo, sentire meno fatica e soprattutto di lavorare in sicurezza.

    Ne esistono varie tipologie in commercio, ma ovviamente non è necessario avere tutte le varianti, bensì solo quelli indispensabili per una cucina domestica. Uno dei coltelli più adatti per tagliare le verdure è il trinciante leggero, con lama ben affilata di circa 20 cm, conosciuto anche come il coltello da cuoco, altrimenti la tanto amata mandolina.

    Innanzitutto, dovendo utilizzare delle lame, cerchiamo sempre di lavorare su una base sicura e ben ferma, quindi appoggeremo il tagliere su un panno, affinché non scivoli. Impugnate il coltello in modo che sia leggermente inclinato, a formare un angolo acuto con la verdura che si vuol tagliare. La posizione delle dita della mano libera è molto importante affinché il taglio sia veloce e preciso: l’indice, l’anulare e il mignolo hanno la funzione di mantenere fermo l’ortaggio da tagliare; il medio deve invece servire da appoggio per la lama del coltello, allo scopo di regolare lo spessore del taglio, mentre il pollice è posizionato dalla parte opposta al dito medio, per poter tenere ben salda la verdura e per spingerla sempre in avanti verso la lama. È importante che la lama si appoggi sulla falange del dito medio, anziché sui polpastrelli o le unghie: in caso contrario la velocità di esecuzione diminuirebbe e aumenterebbe il rischio di tagliarsi.

    taglio à la julienne
    Di seguito sono illustrati i tipi di taglio maggiormente utilizzati per le verdure, dando per scontato che per alcune verdure, come per esempio le carote, abbiate innanzitutto usato un pelapatate per privarle della parte esterna.
    Taglio à la Julienne: consiste nell’ottenere fiammiferi di verdure dello spessore di circa 2 mm. Tagliatele, formando tanti piccoli bastoncini di uguale larghezza e della lunghezza di circa 4-5 cm.
    Taglio à la Brunoise: è un taglio successivo alla julienne e richiede abbastanza pratica, ovvero si ricava da una precedente julienne di verdure e si affettano i bastoncini ricavandone una dadolata regolare.
    Taglio alla Giardiniera: tagliate le verdure singolarmente creando dei pezzetti di circa mezzo centimetro di spessore e di 2/3 cm di lunghezza.
    Taglio alla Macedonia: dopo aver affettato le verdure alla giardiniera, tagliatele a dadi di circa 4-5 mm di lato.
    Taglio alla Paesana: è il modo più semplice e veloce per tagliare le nostre verdure. Si tratta di un taglio a tocchetti, che avranno lo spessore di circa 2 cm

    536

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alimentazione Sana
    PIÙ POPOLARI