Come smaltire i farmaci scaduti

Come smaltire i farmaci scaduti? Non gettarli nello scarico, separare le confezioni dalle sostanze chimiche, portarli all’ospedale: queste ed altre regole per un’azione corretta.

da , il

    Come smaltire i farmaci scaduti? E’ molto importante tenere presenti alcune regole fondamentali. Soltanto in questo modo possiamo gettare questi prodotti in modo da non inquinare. E’ bene essere ecoresponsabili anche nella vita quotidiana, perché spesso sono i nostri piccoli gesti ad aiutare la salvaguardia dell’ambiente. Come regolarsi con i farmaci che non ci servono più e che vogliamo buttare? Vediamolo insieme.

    1. Le confezioni

    Bisogna ricordarsi che la raccolta differenziata dei farmaci scaduti riguarda soltanto i medicinali in se stessi e non le loro confezioni. Queste ultime, che sono spesso di carta, andranno smaltite con gli altri materiali cartacei.

    2. Gli integratori

    Gli integratori alimentari spesso vengono confusi con i farmaci. E’ importante, però, distinguere, perché gli integratori non possono essere considerati al pari delle sostanze chimiche presenti nei medicinali. Proprio per questo motivo vanno smaltiti come i cibi e quindi non vanno nello stesso contenitore dei farmaci.

    3. Disinfettanti e siringhe

    Ci sono alcuni oggetti usati in campo medico che obbediscono a delle altre regole. Per esempio, i disinfettanti, le siringhe e i termometri vanno smaltiti secondo delle regole specifiche, che si differenziano da quelle che riguardano strettamente i medicinali. Particolare attenzione deve essere prestata alle siringhe usate, in modo da evitare che qualcuno possa pungersi.

    4. Chiedi aiuto al farmacista

    Se hai qualche dubbio sul corretto smaltimento di un prodotto, chiedi aiuto al tuo farmacista. Evita di lasciare le buste con i farmaci vicino al contenitore della spazzatura. Il farmacista, anche se non è una sua competenza, sicuramente provvederà ad avvisare la ditta per lo smaltimento.

    5. Niente farmaci nello scarico

    I farmaci, a differenza di quanto alcuni possano pensare, non vanno gettati nello scarico. Alcuni studi hanno dimostrato che immettere nella rete fognaria dei medicinali che contengono ormoni oppure antibiotici o altre sostanze può essere molto pericoloso, soprattutto si corre il rischio di contaminare le acque sotterranee.

    6. Pensa alla privacy

    Se vuoi liberarti di un farmaco, gratta le etichette, in modo che il nome del medicinale diventi illeggibile. Inoltre fai attenzione a strappare bene le etichette, i foglietti illustrativi e le confezioni, se hai scritto qualcosa su di esse. In questo modo puoi essere sicuro di proteggere la tua riservatezza.

    7. Verifica i metodi di smaltimento nella tua zona

    Molti Comuni prevedono la possibilità di portare i farmaci che non possono essere più utilizzati, perché scaduti, in apposite aree autorizzate. Qui ci sono degli esperti che penseranno a smaltire i medicinali nel modo più corretto, in maniera che non costituiscano più un pericolo né per l’ambiente né per l’uomo.

    8. Contatta l’ospedale

    Questa regola vale soprattutto per i farmaci che sono potenzialmente pericolosi. Se hai qualche dubbio, puoi anche contattare l’ospedale più vicino, nella tua zona. Qui sicuramente troverai degli appositi contenitori di rischio biologico, che si trovano di solito in tutti gli ospedali.