Come sgrassare i contenitori di plastica con rimedi naturali

Come sgrassare i contenitori di plastica con rimedi naturali
da in Casa ecologica, Rimedi naturali, Vivere green
Ultimo aggiornamento: Lunedì 01/06/2015 13:04

    come sgrassare i contenitori di plastica con rimedi naturali

    Come sgrassare i contenitori di plastica con rimedi naturali? Quando possiamo, è bene ricorrere alle soluzioni messe a disposizione da Madre Natura, che si dimostrano davvero importanti per il rispetto dell’ambiente. Non ostiniamoci nell’uso dei prodotti chimici, perché a volte non ci rendiamo conto di quanto essi inquinino e di come sarebbe importante sostituirli con altri ingredienti che sicuramente abbiamo in casa. Nelle nostre dispense non possono mancare alcuni prodotti utilizzati normalmente in cucina, che ci aiutano nello sgrassare i vari contenitori di plastica, ai quali spesso si attaccano il grasso e l’unto. Scopriamo questi rimedi fai da te, in stile completamente green.

    sale contenitori

    Il sale è un ottimo ingrediente naturale, per riuscire a liberare le ciotole e i vari contenitori di plastica dall’unto da cui possono essere ricoperti. Innanzitutto bisogna lavare la plastica con un detersivo per piatti ecologico e poi occorre versare un cucchiaio di sale fino da cucina. Si strofina e si lascia in ammollo il tutto per alcuni minuti. Poi si risciacqua. Scopri tutti gli usi del sale

    succo limone contenitori

    Anche il succo di limone è ottimo per sgrassare i contenitori di plastica. In questo caso è meglio utilizzare l’acqua tiepida, per lavare più facilmente il grasso dalle superfici. In alternativa si possono sfregare alcuni spicchi di limone direttamente sulle ciotole più unte. Alla fine si risciacqua, per rimuovere i residui del succo e del frutto. Tra l’altro il limone è ottimo anche per eliminare l’odore dell’alimento contenuto, specialmente quando il contenitore, dimenticato in frigorifero, ne appare completamente impregnato.

    bicarbonato contenitori

    Mettiamo uno strato sottile di bicarbonato all’interno del contenitore da pulire. Versiamo un po’ di acqua e in questo modo formiamo una crema densa. Spalmiamo tutto il prodotto all’interno del contenitore e cerchiamo di sfregare, utilizzando la normale spugnetta per i piatti o un vecchio spazzolino da denti che non utilizziamo più. Lasciamo agire per qualche minuto e poi risciacquiamo in maniera abbondante. 15 usi alternativi del bicarbonato di sodio

    aceto contenitori

    L’aceto si può versare puro sul contenitore da pulire oppure si può diluire in acqua calda. Si lascia il contenitore a riposo per un paio d’ore e poi si procede a pulire le superfici interne. E’ un ottimo rimedio fai da te, che può rientrare tipicamente fra quelle soluzioni adottate dalle nostre nonne anticamente anche per mettere a frutto l’ampio potere assorbente degli odori che l’aceto possiede.

    vinegar

    Possiamo preparare un detersivo fai da te all’aceto. Gli ingredienti che bisogna utilizzare sono: detersivo per piatti biologico, 100 ml di aceto bianco o rosso, 800 ml di acqua. Anche questo si rivela importante per riuscire ad allontanare l’unto dai nostri contenitori di plastica, riducendo allo stesso tempo le sostanze inquinanti che gettiamo negli scarichi e che, inevitabilmente, finiscono con il non provvedere al rispetto dell’ambiente. Inoltre questo detersivo fai da te all’aceto presenta il vantaggio di non fare molta schiuma e risciacquare così diventa molto più facile.

    739

    PIÙ POPOLARI