Come risparmiare energia con gli elettrodomestici: quali consumano di più?

da , il

    risparmiare energia

    Per abbracciare un modo di vivere green si cerca di migliorare e modificare le abitudini quotidiane non solo nell’alimentazione ma anche sui consumi domestici. Risparmiare sui consumi eccessivi di energia può essere un beneficio non solo per l’ambiente ma anche per le spese delle bollette. Il nuovo osservatorio di SosTariffe.it attraverso una dettagliata indagine sul consumo di energia elettrica e le relative spese è riuscito a fornire un utile strumento informativo per capire come fare per risparmiare energia con gli elettrodomestici in base a quelli che consumano di più.

    La nota riguarda elettrodomestici utilizzati nel periodo più caldo dell’anno, in questo caso Agosto 2012.

    Gli elettrodomestici che più di tutti gravano sul portafoglio degli italiani sono il condizionatore, seguito da congelatore e illuminazione. Stando all’analisi dei consumi, infatti, gli elettrodomestici come climatizzatori o condizionatori, insieme alle lampade alogene, coprono una spesa complessiva che oscilla tra il 56,49% al 66,74 per cento dei consumi.

    Risparmiare è comunque possibile, come sottolinea la nota stessa di SosTariffe.it secondo cui attraverso una tariffa del mercato libero dell’energia elettrica si può ridurre la spesa per la luce fino a 25 euro nel mese di Agosto, guadagnando un risparmio del 10 per cento rispetto a quella che dovrebbe essere la tariffa di Maggior Tutela.

    Attraverso quattro tipi di profili di consumo relativi a quattro nuclei familiari diversi, SosTariffe è riuscita a realizzare una stima di quanto si potrebbe arrivare a spendere nel consumo di energia elettrica in un mese di caldo secco qual è quello di Agosto, individuando quattro realtà differenti di consumo e i consumi degli elettrodomestici.

    Le realtà di riferimento prese come esempio nell’analisi sono una casa in città, villa con piscina, appartamento in condominio e villetta bifamiliare. Tutte con il consumo relativo a 4 persone per famiglia. Dall’analisi è stato possibile individuare il consumo medio degli elettrodomestici e le aree domestiche dove il consumo tenderebbe ad aumentare.

    Dai risultati è emerso che nel periodo estivo la cucina, gli ambienti esterni e le camere da letto tendono a essere gli ambienti domestici dove si concentra un alto consumo di energia elettrica. Per quanto riguarda gli elettrodomestici, invece, il 52,89 per cento della spesa della bolletta riguarda il consumo del condizionatore, il 28,35 per cento per le lampade alogene e l’11,02 per cento per il consumo del congelatore.

    Prendendo in considerazione il consumo all’ora in KWH, gli elettrodomestiche che registrano un consumo maggiore di energia elettrica sono la lavatrice, la lavastoviglie e l’asciugatrice, anche se utilizzati per un periodo di tempo limitato, tale da non influire sulla bolletta degli italiani. Sembrerebbe che gli italiani abbiano un’errata percezione dei consumi degli elettrodomestici, almeno da quanto dimostrato in un’indagine eseguita dall’Ufficio Studi AIRES.

    Infatti, un terzo del campione degli intervistati, crede che gli elettrodomestici che più consumerebbero energia sarebbero l forno, la lavatrice, il frigorifero, la lavastoviglie, il ferro da stiro. Sebbene questi elettrodomestici abbiano un consumo elevato all’ora vengono utilizzati per poco tempo rispetto a quelli che seppur con un consumo minore vengono utilizzati per più tempo.

    La lavastoviglie incide dal 2,39% al 5,66%, il frigorifero dall’1,37% al 3,67%, la lavatrice dallo 0,73% all’1,95% e il ferro da stiro dallo 0,89% all’1,37%.

    Sono stati dimostrati diversi metodi per consumare meno energia come per esempio utilizzare elettrodomestici ad alta efficienza energetica che consente di ottenere un risparmio del 40% sui consumi.

    Altri suggerimenti proposti e ben risaputi su come risparmiare energia sono quelli dell’utilizzare lampadine a risparmio energetico, apparecchiature ad alta efficienza e prediligere, per quanto possibile, le fasce notturne e del weekend per l’utilizzo di alcuni elettrodomestici.

    Foto di Era