Come essiccare la camomilla

Come essiccare la camomilla? Puoi provare con il metodo tradizionale oppure con il forno o l’essiccatore. Conservala poi in un barattolo.

da , il

    Come essiccare la camomilla? Vediamo come procedere per avere sempre a disposizione i fiori di questa pianta da utilizzare per preparare le tisane. Le piante di camomilla, infatti, possono essere coltivate anche in casa. Il periodo della semina consigliato coincide con l’inizio della primavera e la germinazione avviene nel giro di 15 giorni. La raccolta dei fiori deve essere fatta nel momento della massima maturazione fisiologica della pianta. Si possono raccogliere anche dei mazzettini, comprendenti anche parte degli steli, per poi essiccare il tutto e conservare, per utilizzarlo al momento del bisogno. Vediamo come procedere.

    Elimina i corpi estranei

    Dopo la raccolta della camomilla, è molto importante effettuare una selezione, in modo che possano essere rimossi gli eventuali corpi estranei presenti. Le radici non devono avere i fusti. Si deve fare un’attenta selezione, prima di passare all’essiccamento vero e proprio.

    L’ambiente di essiccamento

    Le piante di camomilla devono essere distese su un tavolo o appese in un ambiente che sia asciutto ed arieggiato. Vanno bene, ad esempio, i solai, le tettoie o i porticati.

    Scopri le proprietà e i benefici della camomilla

    Appendi la pianta

    Rimuovi le foglie nella parte più bassa degli steli e legali insieme con dello spago, senza creare mazzetti troppo folti, in modo da favorire la ventilazione ed evitare che si formi umidità. Copri i mazzetti con della carta pulita e pratica dei buchi, per permettere all’aria di circolare. In questo modo eviterai anche che le piante da essiccare restino a contatto con la polvere.

    Un altro metodo di essiccazione

    Un altro modo per essiccare la camomilla si rivela molto più semplice e più pratico. Prova a creare degli strati alternando a dei tovaglioli o a della carta pulita i rametti di camomilla. In poco tempo anche gli steli si saranno essiccati e puoi conservarli in sacchetti o contenitori a chiusura ermetica.

    L’uso del forno

    Prepara la camomilla sciacquandola con attenzione sotto l’acqua fredda, rimuovendo ogni traccia di terra. Asciuga i vari rametti con la carta assorbente. Distribuiscili su una teglia da forno rivestita con la carta, senza esagerare con le quantità. Posiziona la teglia sul ripiano più alto del forno, che va preriscaldato alla temperatura minima. Fai cuocere finché i fiori della camomilla non diventeranno friabili.

    Come coltivare la camomilla in vaso

    L’uso dell’essiccatore

    La camomilla si può essiccare anche con l’utilizzo dell’essiccatore per alimenti. Dopo aver lavato i rametti, accendi l’essiccatore impostandolo ad una temperatura bassa, di circa 35-40 °C.

    Utilizza contenitori di vetro

    Quando i fiori saranno sbriciolabili con le mani, puoi trasferirli in contenitori di vetro e saranno pronti per preparare l’infuso a base di camomilla. Un’operazione davvero semplice, perché non si deve fare altro che bollire dell’acqua in un pentolino, aggiungere i fiori di camomilla e aspettare per qualche minuto. Poi si filtra e si beve il tutto. Ricordati, quando metti la camomilla nei vasi, di etichettarli, scrivendo anche la data di conservazione.