Come curare il giradito: 10 rimedi naturali

Come curare il giradito: 10 rimedi naturali
da in Rimedi naturali, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27/03/2015 21:20

    giraditoIl giradito è un’infezione, abbastanza fastidiosa, di una o più dita della mano, raramente anche del piede. Come curare il giradito? Esistono rimedi naturali per combattere questa infezione? Si tratta di una condizione molto dolorosa e le cause della sua comparsa sono sempre, o quasi, di origine batterica ( staffilococco e streptococco). Sono le persone che soffrono di onicofagia (mangiano le unghie o le pellicine delle dita) ad esserne maggiormente colpite e questo è dovuto all’ambiente caldo umido e alle piccole feritine che ne conseguono e che favoriscono l’insorgere di questa infezione. In alcuni casi, può essere causato da schegge che entrano nel dito oppure dall’uso di strumenti non sterilizzati come quelli per la manicure. Il giradito si presenta con i classici segnali dell’infezione: arrossamento, dolore e pus. In realtà, l’uso dei rimedi naturali può essere di aiuto nello stadio iniziale dell’infezione, quando sono presenti solo dolore, arrossamento e la prima comparsa della puntina bianca del pus. In casi più duraturi è meglio consultare il medico poiché il giradito, come tutte le infezioni, potrebbe creare ulteriori problemi, per esempio gonfiore dei linfonodi e problemi alle ossa.

    curare il giraditoEvitate di mordicchiare sia la pelle intorno alle unghie che le unghie stesse, perché oltre ad essere la causa più comune di infezione, si potrebbero infettare anche le altre dita. Non cucinate se avete il giradito e utilizzate asciugamani e canovacci personalizzati per evitare il propagarsi dei batteri. Indossate sempre dei guanti per le attività che richiedono l’uso delle mani, come per esempio il giardinaggio, per evitare ulteriori problemi.

    saponeIl giradito è estremamente doloroso e alcuni rimedi funzionano soprattutto nella fase di inizio, quando cioè compaiono i primi segni di arrossamento e dolore. La terapia del calore funziona proprio in questa fase: bisogna preparare una soluzione di acqua caldissima e sapone con la stessa percentuale, poi si immerge il dito per circa 15 minuti, e si ripete l’operazione per 3 volte al giorno. In questo modo avrete un rimedio per lenire il dolore ed il gonfiore.

    Acqua e saleL’applicazione è molto semplice: basta immergere le dita in acqua salata, preferibilmente tiepida, per circa 10 minuti, ripetendo l’operazione almeno 3 volte al giorno per 2 o 3 giorni. Il sale ha un’azione antisettica e antinfiammatoria, aiuta a lenire il gonfiore e l’arrossamento, mentre il caldo umido favorisce la fuoriuscita del pus facendo maturare l’infezione.

    PENTAX ImageLe proprietà antibatteriche di cipolla e aglio sono note da tempo e riconosciute anche dalla medicina ufficiale. Si può creare una mistura cremosa di cipolla e aglio, o solo dell’uno o dell’altro, frullandoli in acqua calda, da applicare sul dito e sull’unghia un paio di volte al giorno, anche solo per ottenere un sollievo momentaneo. In questo modo riusciamo a stemperare un po’ l’infiammazione.

    Infuso malvaLa malva viene utilizzata spesso per le infiammazioni generiche grazie alle sue proprietà lenitive ed antibatteriche. E’ ricca di glicoproteine, mucillagini contenute sia nel fusto che nei petali, che creano un’impercettibile strato impenetrabile dai batteri. Immergere le dita direttamente nell’infuso, per 15 minuti: questo vi aiuterà a ridurre il dolore e il gonfiore. Potete ripetere il trattamento tutte le volte che volete.

    arnicaL’arnica è un fiore da sempre noto per la sua azione antinfiammatoria e antidolorifica. Ha un grande potere antibatterico, ed è più facile trovarla in commercio sotto forma di pomata per il trattamento delle ferite superficiali, in quanto favorisce una rapida cicatrizzazione. L’arnica combatte la proliferazione dei batteri, creando per loro un ambiente ostile.

    Calendula_officinalisProprio come l’arnica, la calendula è un fiore, che ha note proprietà antisettiche, ed è ottima per ridurre il gonfiore e lenire il dolore. Può essere utilizzata anche come tintura madre, infuso, pomata o anche usando direttamente le sue foglie, applicandole sul dito, dopo averle schiacciate.

    LimonePrendete un limone e praticate un foro all’interno dove inserirete il dito colpito dall’infezione. Questo trattamento deve essere fatto due volte al giorno per 10 minuti almeno fino a quando vedrete la guarigione. Le proprietà astringenti del limone, infatti, avrebbero al capacità di “asciugare” l’infezione in pochi giorni.

    Semi di linoUna mistura di farina di riso e di semi di lino, applicata nella zona interessata, aiuta ad ottenere sollievo immediato. È possibile mantenere il composto anche tutta la notte, avvolgendo il dito con un panno pulito o una garza sterile. Rimuovete il bendaggio la mattina. Questo rimedio dovrebbe facilitare il processo di maturazione dell’infiammazione rapidamente.

    Tea tree oilMedicate la parte interessata con alcune gocce di olio di malaleuca, più noto come tea tree oil, dall’azione antibatterica, antimicotica e cicatrizzante. Diluite poche gocce in un olio di base (jojoba, oliva o mandorle dolci) ed avvolgete la parte da trattare con una pellicola trasparente. Ripetete il trattamento tre volte al giorno, poi dopo aver rimosso la pellicola, medicate con una garzina e tenere la parte sempre pulita e asciutta.

    1178

    PIÙ POPOLARI