Come coltivare l’orto fai da te sul balcone di casa

Coltivare l'orto fai da te sul balcone di casa non è affatto difficile

da , il

    orto fai da te balcone casa

    L’orto fai da te sul balcone di casa rappresenta un’ottima possibilità per dedicarsi all’agricoltura biologica in un ottica di piena sostenibilità ambientale, potendo contare anche sulla sicurezza alimentare. L’orto fai da te può essere anche un orto urbano, riuscendo a garantire anche una certa quantità di verde urbano, indispensabile per una migliore qualità dell’aria. Basta veramente poco per mettere a punto un orto sul balcone: bisogna soltanto conoscere le regole giuste in termini di esposizione solare, tecniche di travaso e accorgimenti relativi all’innaffiatura.

    Ambiente ideale, tipologia di ortaggi e oggetti utili: differenti sono le condizioni da tenere in considerazione e gli elementi a cui ricorrere. Da ricordarsi che, di fronte ad una certa fatica, coltivare l’orto può essere visto come un antidoto contro la mortalità, anche perché ha un effetto antistress piuttosto elevato.

    L’orto fai da te sul balcone: l’esposizione solare

    Per un’adeguata esposizione solare l’orto fai da te sul balcone dovrebbe essere collocato ad est oppure ad ovest. Nel primo caso riceverà i raggi del sole al mattino, nel secondo caso nel pomeriggio. D’altronde è bene tenere presente che un’esposizione al sole piena e continua sarebbe opportuna solo per piante come il rosmarino e il timo. Ogni piante necessità sia di sole che di ombra. Proprio per questo motivo non tutti i balconi possono essere utilizzati per la coltivazione di un orto. In ogni caso nel tempo libero sempre più Italiani preferiscono dedicarsi all’agricoltura biologica e all’orto fai da te.

    L’orto fai da te sul balcone: gli ortaggi da coltivare

    Per quanto riguarda gli ortaggi da coltivare sul balcone, bisogna operare una scelta, perché non è da dimenticare che comunque abbiamo a disposizione uno spazio limitato e la quantità di piantine non può essere eccessiva. In genere i generi di ortaggi più adatti ad essere coltivati su un balcone sono costituiti da cipollotti, peperoncini, zucchine, pomodorini, melanzane, insalata, bietola e piante aromatiche. Possiamo scegliere di piantare il tutto in cassette da appendere alle pareti o in fioriere apposite, avendo cura di esporre nella parte più esterna le piante che presentano i fiori più vistosi, per un effetto migliore anche dal punto di vista estetico. Per iniziare possiamo acquistare bulbi, semi o piantine. In quest’ultimo caso ci troveremo di certo più agevolati, perché saremo già ad un buon punto di partenza.

    L’orto fai da te sul balcone: i contenitori da utilizzare

    I contenitori da utilizzare per il nostro orto sul balcone andranno scelti in base alle piante che abbiamo deciso di coltivare. Ogni pianta ha infatti delle caratteristiche specifiche, determinanti per poter scegliere i vasi. Dobbiamo conoscere lo spazio che serve alla pianta per crescere, in modo da regolarci sulla profondità dei contenitori da usare. Alcune piante possono essere messe insieme nello stesso vaso. In questo caso bisogna sapere se alcune piante riescono ad apportare benefici su alcuni tipi di ortaggi oppure se ci sono piante che necessitano dello stesso tipo di innaffiatura e delle stessa quantità d’acqua. Per coltivare l’orto possiamo anche fare il compostaggio domestico per ricavare il concime che ci serve.

    Se vogliamo saperne di più su come coltivare l’orto fai da te sul balcone di casa, possiamo leggere i seguenti articoli:

    Arredamento green: l’orto in salotto per un ecodesign originale

    Il sughero riciclato per creare etichette per l’orto fai da te

    Compostaggio domestico: ecco come creare una compostiera fai da te

    Agricoltura biologica: trasformare gli avanzi alimentari in fertilizzante naturale