Come coltivare il prezzemolo in vaso

Come coltivare il prezzemolo in vaso? Una piccola guida green per tutte le fasi della coltivazione, dalla semina alla raccolta dell’erba aromatica.

da , il

    come-coltivare-il-prezzemolo-in-vaso

    Come coltivare il prezzemolo in vaso? Questa erba aromatica è molto usata in cucina, per cui dovremmo avere sempre la possibilità che non manchi mai nella preparazione dei nostri piatti preferiti. Si adatta bene agli ortaggi e possiamo usarla per dare sapore a varie pietanze. Il clima ideale per la coltivazione del prezzemolo è quello tipicamente mediterraneo, caratterizzato da temperature medie, con precipitazioni poco abbondanti e molto sole. E’ per questo che tutti possiamo procedere alla coltivazione di questa erba aromatica, davvero versatile per ciò che dobbiamo preparare da mangiare. Vi proponiamo una piccola guida green proprio sulla coltivazione del prezzemolo.

    La preparazione del terreno

    preparazione terreno prezzemolo

    Prima di seminare il prezzemolo, prepariamo un terreno adeguato. Quello più adatto è mescolato con compost e torba. Sarebbe necessario inserire anche un po’ di sabbia, in modo da favorire il drenaggio dell’acqua. Occorre che il terriccio utilizzato sia ricco di sostanze organiche, indispensabili per la crescita del prezzemolo. Utilizziamo del compost organico naturale, per rendere più fertile il terreno della semina.

    La semina

    semina prezzemolo

    Bisogna procurarsi delle bustine di semi di prezzemolo, che si possono trovare facilmente anche al supermercato e nei negozi specializzati. L’operazione della semina non è affatto difficile, perché basta adagiare i semi sul terriccio, a distanza di circa 20 centimetri l’uno dall’altro. Poi si ricopre tutto con dell’altra terra, avendo cura di metterne uno strato sottile. Infine innaffiamo, senza esagerare. Il periodo migliore per seminare il prezzemolo è quello che va dalla fine dell’inverno fino all’estate.

    Scopri anche come coltivare il basilico

    L’innaffiatura

    innaffiatura prezzemolo

    Il prezzemolo non ama i ristagni d’acqua, quindi non occorre innaffiare eccessivamente. Tuttavia si può procedere con il bagnare il terriccio periodicamente, senza aspettare però che il terreno si asciughi completamente. Proprio per evitare i ristagni d’acqua, è consigliabile usare dei vasi in terracotta, che, essendo fatti di un materiale traspirante, garantiscono una buona distribuzione dell’acqua.

    La posizione del vaso

    posizione del vaso prezzemolo

    Il prezzemolo ama il sole, anche se è meglio evitare che i vasi vengano messi direttamente sotto i suoi raggi, perché, se troppo forti, specialmente in estate, potrebbero anche far male alle foglioline della pianta. Le temperature non devono essere molto rigide, perché anche il freddo eccessivo può essere dannoso per questa pianta aromatica. Se le temperature scendono molto, possiamo proteggere il vaso con un telo.

    Scopri anche come coltivare la salvia

    La raccolta

    raccolta prezzemolo

    Per praticare la raccolta del prezzemolo, è meglio procedere a scalare, tenendo conto della crescita della pianta. E’ possibile cogliere i rametti più sviluppati, facendo dei tagli netti ed evitando che la pianta si sfilacci. Da tenere conto che i rametti, una volta tagliati, tendono a ricrescere, per cui la stessa pianta può essere utilizzata per fare più raccolte. Almeno una volta ogni due mesi è importante procedere con un lavoro di sarchiatura, eliminando tutte quelle erbe infestanti che impediscono alla pianta di crescere in maniera rigogliosa.