Come coltivare il girasole in vaso

Come coltivare il girasole in vaso
da in Agricoltura, Giardini, Orto in casa, Vivere green
Ultimo aggiornamento: Venerdì 03/04/2015 18:24

    come coltivare il girasole in vaso

    Come coltivare il girasole in vaso? E’ veramente molto facile e non dimentichiamo che questo fiore è davvero meraviglioso, capace di riempire di gioia l’ambiente in cui si trova. Il colore acceso del girasole riesce a creare una calda atmosfera e a dare luce ad ogni angolo della nostra casa. Possono crescere da 60 centimetri fino a 4,5 metri di altezza, naturalmente in base alle loro varietà e in base al loro essere stati seminati in un vaso o direttamente nella terra, in giardino. Possiamo essere abituati ad ammirare i girasoli nei campi coltivati, ma non è detto che non possiamo averli in casa semplicemente in un vaso. Ecco una facile guida per realizzare questo obiettivo.

    semina girasole

    Il periodo ideale per la semina dei girasoli è quello della primavera, ma l’operazione può essere fatta anche all’inizio dell’estate. La scelta del vaso è molto importante, perché quest’ultimo deve avere delle caratteristiche essenziali: è rilevante che abbia un diametro almeno di 15-20 centimetri.

    terriccio girasole

    Sul fondo del vaso mettiamo uno strato di palline di argilla espansa, che poi vanno ricoperte con il terriccio vero e proprio, fino ad arrivare a circa 3 centimetri dal bordo. Al centro del vaso va creato un buchetto di circa 3 centimetri. Proprio all’interno di questa fossetta vanno riposti i semi di girasole. Copriamo con il terriccio anche la fossetta che abbiamo realizzato e inumidiamo la terra. I primi germogli dovrebbero spuntare nel giro di una settimana. 10 consigli per il tuo orto

    ph girasole

    Nella scelta del terriccio è molto importante verificare il PH. I girasoli preferiscono un terriccio con un PH compreso fra 6 e 7,5. Possiamo eventualmente arricchire il terreno con un compost acido, se il PH è inferiore a 6.

    posizione girasole

    E’ importante che questi fiori rimangano in pieno sole. Quindi va privilegiata un’area piuttosto aperta, se decidiamo di mettere il vaso in balcone. Allo stesso tempo, però, dobbiamo provvedere ad effettuare tutti gli accorgimenti, in modo da trovare un punto protetto dal vento. Per esempio possiamo posizionare il vaso lungo il bordo di una staccionata oppure dietro una fila di altre piante robuste.

    fertilizzante girasole

    E’ importante scegliere un fertilizzante organico, per aiutare la crescita dei girasoli. Mettiamone un po’ sopra la zona di semina e poi innaffiamo accuratamente, ma non esageriamo, perché il terreno deve soltanto rimanere umido e i semi non devono essere sommersi. Abbiamo cura di proteggere questi fiori anche con una rete, perché in particolare gli uccelli sono molto ghiotti dei loro semi. Scopri anche come coltivare l’azalea

    raccolta dei semi girasole

    Dopo che sono spuntati i girasoli e sono diventati piuttosto rigogliosi, subentra il periodo in cui cominciano a seccare. E’ questo il momento in cui si possono raccogliere i semi. L’operazione più adatta è quella di tagliare lo stelo e appenderlo a testa in giù, finché il fiore non diventi completamente secco. Possiamo raccogliere i semi, che possono essere anche arrostiti in forno e mangiati. In alternativa questi semi possono essere utilizzati per ottenere nuovi girasoli per la stagione successiva.

    771

    PIÙ POPOLARI