Come coltivare i ceci

Come coltivare i ceci
da in Agricoltura, Orto in casa, Vivere green
Ultimo aggiornamento: Martedì 21/07/2015 12:24

    come coltivare i ceci

    Come coltivare i ceci? Questa coltivazione non ha bisogno veramente di molto dispendio di energia, perché riesce a fruttificare anche se abbiamo un pezzo di terra non molto fertile e con poca acqua. Può essere veramente la pianta ideale da seminare nel nostro orticello dietro casa. Se non abbiamo tanto tempo da dedicare alle cure nei confronti di questa pianta, ci accorgeremo che essa riuscirà a portare avanti il suo ciclo vegetativo davvero con semplici e pochi accorgimenti. D’altronde i ceci sono buoni da mangiare e fanno bene anche al nostro organismo. Perché non provare, quindi, a coltivarli?

    terreno ceci

    I ceci hanno bisogno di un terreno povero per la loro crescita. Riescono a sopportare la siccità e anche la presenza di qualche sasso. Bisogna stare attenti più che altro al fatto che non ci sia troppa umidità. La coltivazione dei ceci può essere utilizzata anche come coltura di rinnovo. Essendo delle leguminose, i ceci possono costituire benissimo l’inizio della coltivazione di un’aiuola, perché arricchiscono il terreno di azoto e preparano il suolo per le altre colture che abbiamo intenzione di impiantare. Tra l’altro non bisogna dimenticare che le radici della pianta di ceci sono molto profonde, per cui non richiedono per forza una vangatura profonda del terreno.

    preparazione ceci

    Per piantare i ceci, bisogna preparare adeguatamente il terreno. Una settimana prima della semina si può integrare il terriccio con del compost, scegliendo quello ricco soprattutto di potassio e di fosforo, che favoriscono l’aumento del raccolto. Se il terreno è troppo pesante, aggiungiamo della sabbia o della ghiaia, in modo che possa essere migliorato il drenaggio. I rimedi naturali contro gli insetti dell’orto

    semina ceci

    La semina dei ceci si effettua tra febbraio e marzo. Nelle regioni meridionali può essere spostata in autunno, approfittando del fatto che gli inverni sono più miti. Bastano 10 gradi di temperatura perché i semi possano germinare. Generalmente la semina si esegue ad una profondità di circa 4 centimetri, impiantando filari distanti tra loro 30-40 centimetri.

    irrigazione ceci

    La pianta di ceci non necessita di molta acqua e questo è sicuramente un vantaggio per chi ha poco tempo da dedicare alla coltura del giardino. L’unico accorgimento che dobbiamo utilizzare è quello di verificare se la base della pianta tende a scoprirsi troppo. In questo caso potrebbe essere utile procedere con una rincalzatura, prima che avvenga la fioritura. Soltanto nella stagione secca bisognerebbe innaffiare i ceci una o due volte alla settimana, soprattutto nel periodo in cui inizia la fioritura e i baccelli iniziano a formarsi. Evitiamo di innaffiare dall’alto, perché l’acqua potrebbe cadere sui fiori e sui baccelli, causandone una prematura rottura. In questo modo, inoltre, si potrebbe favorire la formazione di muffe.

    pacciamatura ceci

    Man mano che le condizioni climatiche diventano più calde, si dovrebbe aggiungere un leggero strato di pacciame attorno agli steli. In questo modo il terreno viene aiutato a trattenere una quantità adeguata di umidità. Inoltre il pacciame previene anche la crescita di erbacce infestanti. Scopri anche come coltivare le pesche

    738

    PIÙ POPOLARI