Cambiamenti climatici: New York sarà sommersa entro il 2300?

Cambiamenti climatici: New York sarà sommersa entro il 2300?

new york sommersa

New York potrebbe finire sommersa dalle acque entro il 2300. Più che di un’ipotesi, si tratta di una teoria frutto di uno studio a carattere internazionale. I ricercatori sostengono che i potenti del mondo devono fare qualcosa per tutelare il clima e per puntare sulla riduzione del riscaldamento globale e dei mutamenti climatici, altrimenti nei prossimi secoli il livello dei mari è destinato ad aumentare inevitabilmente e il nostro pianeta può rischiare veramente molto.

Come ha fatto notare Stefan Rahmstorf dell’Istituto di Potsdam, “A New York City, per esempio, l’aumento di appena un metro moltiplicherebbe la frequenza di gravi inondazioni: da una ogni secolo a una ogni tre anni“.

In particolare il livello del mare si potrebbe innalzare fino a 2,7 metri e a risentirne sarebbe soprattutto la costa Est degli Stati Uniti. Gli scienziati tengono sotto controllo la costa atlantica dell’America, perché ci si è accorti che il livello del mare sta crescendo ad una velocità quattro volte superiore rispetto alle altre coste del mondo.

Ad essere a rischio sono le città che si trovano lungo la costa atlantica degli Stati Uniti, ma anche alcune metropoli dell’Asia. Gli esperti prevedono la messa in atto di uno scenario apocalittico e come conseguenza si potrebbe venire a verificare un esodo di massa, che comporterebbe danni economici incredibili.

L’unica soluzione è cercare di non far aumentare le emissioni di anidride carbonica, per salvare la Terra. Non si tratta soltanto di visioni troppo pessimistiche, quello dell’inquinamento ambientale e delle sue conseguenze è un problema reale, ecco perché le autorità governative dovrebbero entrare nella questione per prendere delle misure adeguate.

A questo proposito Rio+20 poteva rappresentare un’occasione importante per riuscire a cercare di porre rimedio alla questione dei gas serra. Invece per molti versi possiamo dire di aver assistito ad un vero flop.

Le occasioni di confronto comunque fra i potenti dei vari Stati non devono mancare, perché quella dell’ambiente e della tutela del clima è una questione di primo piano che dovrebbe essere inserita fra gli impegni che gli Stati di tutto il mondo cercano di portare avanti.

E’ in gioco la nostra stessa sopravvivenza. Rispettare l’ambiente significa porsi obiettivi concreti e non solo parole.

417

Segui Ecoo

Mar 26/06/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Cesara 26 giugno 2012 17:04

“New York sarà sommersa entro il 2300″ Che ci stiamo a preoccupare noi? Campa cavallo… Ammeno che per entro il 2300 cosa si deve intendere. Fra qualche anno ci siamo si, entro il 2300, ad es.

Rispondi Segnala abuso
Seguici