Bioedilizia: le perplessità sugli edifici LEED

Bioedilizia: le perplessità sugli edifici LEED

Secondo alcuni studiosi le certificazioni LEED non tengono conto di alcuni aspetti che potrebbero costituire un problema per la salute dell'uomo negli edifici certificati attraverso questo sistema di valutazione

da in Bioarchitettura, Bioedilizia, Conservazione ambiente, Ecodesign, Edilizia Ecosostenibile, Impatto ambientale
Ultimo aggiornamento:

    bioedilizia edifici leed

    Affinché un edificio sia considerato una perfetta opera di bioedilizia è necessario che abbia una appropriata certificazione che dimostri che le sue caratteristiche siano perfettamente all’insegna della tutela ambientale. La certificazione LEED mira a raggiungere proprio questo obiettivo in particolare. Il sospetto che in questo tipo di certificazione ci siano degli aspetti che non vengono tenuti in considerazione è venuto agli studiosi della Yale School of Forestry and Environmental Studies. Dalle analisi che sono state fatte infatti pare proprio che il sistema che assegna un ottimo livello alle opere di architettura sostenibile non prenda in considerazione in modo efficace un aspetto.

    Si parla in particolare, secondo quanto riferito dal professore che ha condotto lo studio, della salute di chi vive in questi edifici. Queste opere di bioedilizia infatti secondo John Wargo non sono valutate in modo ottimale attraverso questo sistema, dato che il metodo per rilevare i dati necessari al rilascio della certificazione tiene conto di alcuni aspetti ecologici molto significativi, ma in alcuni casi questi aspetti non vanno a vantaggio della salute dell’uomo.

    Un’ottima costruzione all’insegna dell’edilizia ecosostenibile infatti viene certificata con il riconoscimento LEED se presenta ad esempio dei rivestimenti che permettono di rendere l’ambiente a tenuta stagna. Questo è sicuramente un ottimo risultato dal punto di vista del risparmio energetico, e il professore è senza dubbio d’accordo sulla qualità e sulla positività di questa decisione, ma secondo quanto è stato spiegato dallo studioso a questo corrisponde un metodo di costruzione che prevede l’utilizzo di materiali che purtroppo a volte contengono sostanze pericolose per la salute delle persone che abitano in questi edifici.

    Secondo chi ha condotto l’analisi quindi ci sono degli aspetti che fanno pensare che si tenga poco in considerazione la salute dell’uomo per valutare la compatibilità di un edificio con il certificato LEED.

    La società che ha sviluppato questo sistema comunque riconosce che il metodo di valutazione non è ancora del tutto ottimale, e fa sapere che si lavora costantemente per realizzare un metodo di certificazione efficace per capire quando una costruzione è veramente ottima dal punto di vista della conservazione ambientale e dello sviluppo sostenibile.

    414

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BioarchitetturaBioediliziaConservazione ambienteEcodesignEdilizia EcosostenibileImpatto ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI