Biodiversità: lotta ecologica alle zanzare tigre

Biodiversità: lotta ecologica alle zanzare tigre

L’estate è ormai finita

da in Biodiversità, Mutamenti Climatici
Ultimo aggiornamento:

    L’estate è ormai finita. Eppure, grazie anche alle miti temperature autunnali, la vorace zanzara tigre continua a farsi “sentire”. In volo, così come sulla pelle. Cosa fare per combatterla?

    L’Aedes albopictus, o zanzara tigre, è arrivata in Italia dal Sud Est Asiatico poco più di un decennio fa. Possiamo dire che si è ambientata fin troppo bene sul nostro territorio tanto da poter essere considerata un insetto “italianizzato”. Corpo scuro e striature bianche: il suo aspetto è inconfondibile. Come la sua puntura, particolarmente fastidiosa quando non addirittura allergizzante in diversi casi. Ormai la zanzara tigre è diventata il tormento di tutte le estati ed anche degli strascichi autunnali di sole. Giunta dall’Asia circa dieci anni fa, questo insetto presenta una straordinaria capacità di adattamento. Nei paesi tropicali, complici le elevate temperature e l’umidità, questo insetto è portatore di malattie molto gravi, quali la febbre gialla, la febbre del Nilo, la dengue, alcune encefaliti e la chikungunya. Il suo ciclo vitale non ha necessità della presenza di grandi invasi d’acqua. Di acqua, alle larve di zanzara tigre, ne basta davvero poca.


    Anche quella che si raccoglie in un semplice sottovaso o magari negli attrezzi lasciati in giardino sotto le piogge. Attiva soprattutto al mattino e nel tardo pomeriggio, per combatterla occorre avere un’estrema attenzione per evitare che si formino ristagni d’acqua oltre all’utilizzo di prodotti larvicidi e adulticidi, che comunque inquinano l’ambiente. Tuttavia questo non è sufficiente. Potrebbe rivelarsi allora molto utile la lotta biologica, come ad esempio piantare in giardino o sul terrazzo la Catalpa bungei, una pianta che arriva dal Nord America. La Catalpa si è rivelata una potente antizanzara poiché contiene un olio essenziale (il catalpolo) il cui odore risulta molto sgradito a questi insetti. Alla Catalpa si potrebbero aggiungere lavanda, rosmarino, ruta e citronella. Tutte specie che hanno potenti olii essenziali in grado di tenere lontane le zanzare senza tuttavia inquinare l’ambiente e avvelenare l’uomo.

    Immagini tratte da:
    www.rotarycesena.it
    www.comune.spinea.ve.it
    www.comune.reggello.fi.it
    www.zanzaratigreonline.it

    386

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BiodiversitàMutamenti Climatici
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI