Bioarchitettura: a Parigi una scuola ecosostenibile

Bioarchitettura: a Parigi una scuola ecosostenibile

A Parigi è sorta una scuola ad impatto zero, che sfrutta degli appositi impianti per la produzione di energia e per il riscaldamento dell’acqua attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili come l’energia del sole e quella geotermica

da in Architettura Sostenibile, Bioarchitettura, Conservazione ambiente, Edilizia Ecosostenibile, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    bioarchitettura scuola ecosostenibile

    In tema di bioarchitettura e di design ecosostenibile sono sempre tantissime le novità che arrivano da tutto il mondo sempre più di frequente riguardanti novità su costruzioni che rispettano l’ambiente e garantiscono uno stile di vita sano ed equilibrato anche dal punto di vista della produzione di energia da fonti rinnovabili e del risparmio energetico. Questi ultimi due punti sono fondamentali per garantire una corretta conservazione ambientale, e sono messi in atto ad esempio anche nella nuovissima scuola di Parigi a basse emissioni che accoglierà gli studenti in un ambiente ecosostenibile e del tutto confortevole.

    Le conquiste nel campo della bioarchitettura vengono chiaramente messe in luce da costruzioni come questa, che è stata progettata per una produzione ridotta di emissioni e per permettere agli utilizzatori di ricavare energia da fonti rinnovabili oppure sfruttando dei metodi molto curiosi ma del tutto significativi dal punto di vista della produzione di energia pulita.

    Questo ottimo esempio di ecodesign sarà una scuola di Pantin, situata proprio nella zona urbana di Parigi, che ha all’interno dei sistemi molto utili per permettere agli studenti di vivere un’esperienza scolastica tranquilla e completamente green, all’insegna della tutela ambientale.

    Sono infatti integrati all’interno dell’edificio dei sistemi che sfruttano i pannelli solari del tetto per la produzione di energia elettrica da sfruttare all’interno della scuola. Inoltre sono presenti anche delle funzionalità molto interessanti che consentono all’edificio di immagazzinare calore, grazie all’isolamento termico della costruzione.

    Per quanto riguarda l’acqua calda e il riscaldamento, degli appositi impianti permettono di sfruttare l’energia geotermica e quella del sole e a questo proposito.

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Architettura SostenibileBioarchitetturaConservazione ambienteEdilizia EcosostenibilePrimo Piano
    PIÙ POPOLARI