Barriera corallina, i vulcani la possono salvare

Barriera corallina, i vulcani la possono salvare

Per rivitalizzare le barriere coralline, occorrerebbe un'eruzione vulcanica che, con le sue pomici, sarebbe in grado di trasportare organismi marini presso le barriere coralline

da in Conservazione ambiente, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    barriera corallina vulcani

    La barriera corallina è a rischio e con essa un habitat unico, ricco di biodiversità. Gli studiosi sono convinti che, per evitare la distruzione, serva quella che potremmo definire una “disgrazia”: un’eruzione vulcanica in un’isola del Pacifico. Infatti è stato appurato che le pomici che verrebbero emesse da un’eruzione vulcanica potrebbero salvare la barriera corallina, anche perché, come hanno messo in evidenza gli studiosi, sono state proprio le pomici a permettere che si formasse in origine la barriera corallina stessa.

    Gli studiosi sono giunti a queste considerazioni studiando il flusso di pomici galleggianti verso ovest nel caso delle eruzioni che si sono verificate a Tonga tra il 2001 e il 2006. Si sono accorti che le pomici hanno ricoperto una superficie lunga chilometri quadrati, circa 440 per quanto riguarda l’eruzione del 2006.

    Poi hanno spiegato il processo a cui è andata incontro la pomice: “Questa massa è stata poi suddivisa dalle onde e dalle correnti in piccole isole che miliardi di organismi marini, come cianobatteri, molluschi, coralli, anemoni di mare, granchi e altri piccoli crostacei hanno utililzzato come una “zattera” per farsi trasportare per migliaia di chilometri, in alcuni casi fino a 5 mila in otto mesi“.

    Attaccati alle pomici c’erano degli organismi, i quali sono stati depositati e hanno contribuito a formare la barriera corallina australiana. In sostanza gli studiosi hanno capito come fare a rifornire la barriera corallina di organismi nuovi.

    Si tratterebbe di utilizzare le pomici come strumenti di diffusione della vita marina.

    Il tutto attraverso il verificarsi di eruzioni vulcaniche, che in questa area del nostro pianeta sono piuttosto frequenti: se ne verifica una quasi ogni 5-10 anni.

    Le eruzioni vulcaniche quindi rappresenterebbero il punto di partenza fondamentale per rivitalizzare le barriere coralline. Sembrerebbe quasi un controsenso, invece in natura spesso le cose hanno un significato ben preciso, se le osserviamo dal punto di vista dei delicati equilibri naturali che regolano l’ecosistema.

    Sembrerebbe assurdo sperare in un’eruzione vulcanica, eppure questa sembrerebbe essere l’unica soluzione per mantenere in vita un patrimonio ambientale ricchissimo e impareggiabile come quello delle barriere coralline australiane, che dal 1981 fa parte del patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

    399

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conservazione ambienteTutela Ambientale
    PIÙ POPOLARI