Auto elettriche: coupé ZeDir, la biposto firmata Renault

Auto elettriche: coupé ZeDir, la biposto firmata Renault

Verrà presentata al Salone dell'auto di Parigi la nuova coupe elettrica targata Renault; l'auto chiamata DeZir sarà spinta da un motore elettrico in grado di assicurare 160 km di autonomia e prevede tre semplici modi di ricarica della stessa batteria

da in Auto Elettriche, Innovazione
Ultimo aggiornamento:

    nuova coupe elettrica targata renault

    Linee sportive, accattivante, due posti, è questa in sintesi la nuova coupé elettrica targata Renault chiamata “DeZir” che verrà presentata al prossimo Salone dell’Auto di Parigi. L’auto sportiva che strizza l’occhio all’ambiente e abbatte le emissioni di CO2 sarà sicuramente apprezzata nel mondo dell’auto. Interessante poi il concetto della casa automobilistica francese di associare un auto ad ogni fase della vita, la “DeZir” nasce per soddisfare la fase dell’innamoramento.

    Il suo nome infatti significa desiderio, nome che deriva dall’unione di “De” che sta per design e “Z” che significa emissioni zero che contraddistingue la linea di auto elettriche della casa francese a sostegno quindi di una mobilità sostenibile.

    Più precisamente l’auto è alimentata da una batteria al litio da 24 kWh in grado di erogare 150 CV e 260 Nm di coppia massima. Dati elettrici che permettono di spingere la DeZir fino a 180 km/h di velocità massima e in grado di far raggiungere la velocità di 100 km/h in cinque secondi.

    Come non innamorarsi di questa auto elettrica coupé spinta da eccellente motore a batteria? E l’autonomia? I dati parlano di circa 160 km prima che la batteria si scarichi del tutto; e una volta che siamo rimasti a “secco” di corrente? Abbiamo ben tre possibilità tra cui scegliere: la prima, ovvia, chiamata “quick drop” è quella di sostituire la batteria scarica con una completamente carica, la seconda modalità definita “standard” prevede la ricarica utilizzando una comune presa elettrica domestica (servono circa otto ore per una carica completa), infine l’ultima modalità è quella “rapida” che prevede un erogatore trifase da 400 V in grado di ricaricare l’auto all’80% in meno di 20 minuti.

    Ovviamente anche l’occhio vuole la sua parte, se è vero infatti che il concetto principale è quello di un anima green è altrettanto vero che l’auto deve essere accattivante! Parlavamo in apertura di un auto adatta alla fase dell’innamoramento, ecco quindi il colore rosso passione per la scocca esterna, che contrasta con il colore bianco, a dare un tocco di tranquillità, degli interni; il tutto accompagnato da linee tondeggianti studiate per un accurata aerodinamica.

    foto tratta da Omniauto.it

    421

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto ElettricheInnovazione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI