Assicurazioni per ciclisti: le alternative possibili

Assicurazioni per ciclisti: le alternative possibili

Esistono diverse assicurazioni per ciclisti, che si possono stipulare contro gli infortuni e gli incidenti e anche in caso di furto

da in Bicicletta, Mobilità Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    assicurazioni_per_ciclisti

    Le assicurazioni per ciclisti possono rappresentare un valido punto di riferimento per tutti coloro che scelgono il mezzo ecologico costituito dalla bicicletta per i loro spostamenti. Negli ultimi anni il trend positivo in questo senso è aumentato, perché in molti, consapevoli di quanto sia importante la salvaguardia dell’ambiente, scelgono di servirsi proprio della bici. E’ bene, comunque, anche in questo caso, riuscire a proteggersi e poter contare su delle alternative assicurative. Vediamo quelle a cui è possibile fare ricorso.

    Bici2go è una polizza assicurativa proposta da Sara Assicurazioni. Si tratta di un contratto che può essere sottoscritto a partire dai 16 anni di età e il suo prezzo ammonta a 80 euro all’anno. E’ un’assicurazione pensata appositamente per coloro che svolgono un’attività ciclistica amatoriale e non di carattere sportivo. Promette di porsi come una garanzia in caso di danni causati da terze persone mentre si è alla guida della propria bici. Nello specifico la polizza può essere fatta valere in caso di infortunio, se questo dovesse verificarsi durante le attività svolte nel tempo libero, anche se ci troviamo fuori dal nostro Paese. Attraverso Bici2go possiamo essere rimborsati fino a 1.000 euro, se la bicicletta viene rubata e possiamo avere l’assistenza di un avvocato in caso di controversie che riguardano proprio l’uso del mezzo di trasporto green. In aggiunta a tutto questo c’è anche l’assistenza attraverso una centrale operativa che funziona sia il giorno che la notte. Da non dimenticare la possibilità di ricorrere al soccorso stradale.

    Touring Bici Assistance è l’offerta pensata dal Touring Club Italiano. E’ dedicata soprattutto ai turisti in viaggio ed è riservata ai tesserati. Attraverso questa assicurazione, si può contare su più garanzie.

    Se la bici si rompe a più di 10 chilometri di distanza dalla propria residenza, si può ricevere assistenza con un mezzo di soccorso. Inoltre, in caso di infortunio, viene inviato sul posto un medico. Alla bicicletta viene applicata una targa identificativa e viene rilasciato un libretto dei dati: il tutto serve a proteggere il nostro mezzo di trasporto, anche mediante l’identificazione presso il registro italiano bici. Con la Touring Bici Assistance, che costa 20 euro l’anno, si possono organizzare spedizioni della bici, con la possibilità di un rimborso spese fino a 150 euro, e rientri in treno e in aereo, con una copertura massima di 250 euro.

    La FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus, riserva ai tesserati un’assicurazione annuale ad un prezzo irrisorio. Quest’ultimo corrisponde a 3 euro all’anno per i soci. Anche se non si è tesserati, si può usufruire di un’assistenza a 30 centesimi all’ora. In particolare questo tipo di polizza intende coprire gli incidenti. Se ci si vuole assicurare contro gli infortuni, invece, si devono pagare 90 euro l’anno per i soci e 90 centesimi all’ora per coloro che non hanno la tessera.

    BiciSicura Plus è una polizza assicurativa stipulabile con Easy Tag. I prezzi sono molto variabili, perché si può arrivare anche a 500 euro. Si tratta di una vera e propria assicurazione sul furto. Con questa polizza si ha un indennizzo, che arriva a coprire il 90% del valore assicurato e di solito il rimborso viene effettuato entro 30 giorni dal momento in cui si fa la richiesta.

    Guarda anche:

    Biciclette elettriche: costi, autonomia ed ecoincentivi
    Come non farsi rubare la bici: una guida pratica e veloce
    Sicurezza in bicicletta: i laser che salvano la vita ai ciclisti [VIDEO]

    Foto di Marco Gomes

    738

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BiciclettaMobilità Sostenibile
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI