Animali: tutti pazzi per il profumo “Obsession for men”

Animali: tutti pazzi per il profumo “Obsession for men”

Gli animali di uno zoo newyorkese hanno provato l'ebbrezza di farsi catturare da

da in Primo Piano, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    Una tigre siberiana

    Questa notizia ha dell’incredibile! E’ stato appurato che una nota fragranza, “Obsession for Men” di Calvin Klein, fa letteralmente impazzire molte specie animali tra cui tigri siberiane, ghepardi, puma, ma anche tapiri, cinghiali e molti altri. Ma ci sono altre profumazioni capaci di “catturare” l’attenzione delle bestie per svariati minuti o secondi. L’esperimento è stato svolto presso il Bronx Zoo di New York, dove è stata spruzzata una dose di profumo su un albero: il risultato è stato che Sasha, una tigre siberiana dello zoo, ha subìto un vero e proprio sbalzo ormonale e, come fosse un innocuo micio, ha incominciato a strusciarsi contro l’arbusto.

    Questo esperimento, che non nasce solo da una mera voglia di scherzare con gli animali, è invece molto utile: è infatti capace di risvegliare i sensi delle bestie e spingere loro ad essere più attive. Quando si tratta di mammiferi nati in cattività e costretti in gabbie, spesso in solitudine, le fragranze permettono loro di mantenere viva la curiosità e forniscono nuovi stimoli.

    E stimolare la loro curiosità può essere anche utile a studiarne il comportamento: spruzzando del profumo nelle vicinanze di telecamere di sorveglianza, dei ricercatori stanno proprio facendo questo.

    Ma il profumo di CK non è il solo capace di attirare l’attenzione degli animali. Tra le altre fragranze più “eccitanti” – con i rispettivi lassi di tempo capaci di catturare gli animali- troviamo “Beautiful” di Estée Lauder (2 secondi), “Charlie” della Revlon (15 secondi), “L’Air du Temps” di Nina Ricci (10 minuti) e poi il trionfatore “Obsession for Men” di Calvin Klein con ben 11 minuti e 10 secondi. Nemmeno per mangiare ci mettono così tanto!

    Immagine tratta da:
    pupia.tv

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoSviluppo Sostenibile
    PIÙ POPOLARI