Animali strani: la ricerca scientifica si basa anche sui gatti fluorescenti

Animali strani: la ricerca scientifica si basa anche sui gatti fluorescenti

La ricerca scientifica crea animali strani, come i gatti cuccioli geneticamente modificati

da in Animali, Animali Domestici, Animali Strani, Gatti, Immagini Animali, Innovazione, Protezione Animali
Ultimo aggiornamento:

    Gli animali strani possono essere anche “creati ad hoc” per spingere la ricerca scientifica? È questo che sembra emergere dalle immagini che portano alla conoscenza del mondo l’esistenza di questi gatti fluorescenti, geneticamente modificati. I tre micini, fatti nascere in un laboratorio americano, si chiamano TgCat1, TgCat2 e TgCat3 e hanno la particolarità di assumere questo colore particolare se illuminati con luce ultravioletta.

    Oltre alla curiosità fluorescente, la ricerca americana ha in realtà uno scopo decisamente più serio: studiare il sistema immunitario di questi animali e di vedere come reagiscono al FIV, molto simile al virus dell’HIV che colpisce milioni di esseri umani ogni anno.

    I tre cuccioli di gatti sono nati con un gene che permette loro di essere immunodeficienti, e questo lo si riscontra studiando soprattutto il loro sistema linfatico, il più colpito in caso di queste malattie. Al momento si tratta solo di esperimenti non ripetibili sull’uomo, ma è evidente che si crea una forte questione etico morale: fino a che punto va alimentata la ricerca scientifica? Anche a costo di compromettere la protezione degli animali?

    220

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliAnimali DomesticiAnimali StraniGattiImmagini AnimaliInnovazioneProtezione Animali
    PIÙ POPOLARI