Animali e caldo: ghiaccio e frutta per gli ospiti del Bioparco di Roma

Animali e caldo: ghiaccio e frutta per gli ospiti del Bioparco di Roma

Con il caldo estivo, anche gli animali del Bioparco meritano di trovare refrigerio

da in Animali, Animali Selvatici, Tutela Ambientale, Monitoraggio ambientale
Ultimo aggiornamento:

    tigre mangia ghiacciolo di carne

    Il caldo afoso e irresistibile di questi giorni non risparmia nessuno, neppure gli animali. Anche quest’anno, come sempre, al Bioparco di Roma si corre ai ripari con il piano anti-caldo. Si tratterebbe di una serie di accorgimenti che permettono agli animali di soffrire il meno possibile del caldo che sta infuocando le giornate di quest’estate italiana, la più calda dal 2003. Ghiaccioli a base di carne, preferibilmente bianca, per tigri e leoni, canne di bambù con yogurt e frutta e cocomeri congelati, invece, per le scimmie, questa solo alcune delle pietanze del menu anti caldo previsto per gli animali che alloggiano nei recinti della struttura. L’alimentazione degli ospiti del bioparco di Roma di questi giorni di caldo torrido, è costituita, in prevalenza di frutta, ghiaccio e acqua. In ogni recinto sono stati aggiunti delle fontanelle di acqua fresca dove gli animali possono rinfrescarsi.

    LP

    Proprio come noi umani, anche gli amici animali soffrono il caldo. Per cui anche gli esemplari del Bioparco di Roma, costretti a subire l’afa di questi giorni d’agosto. Proprio per venire incontro alle esigenze degli animali e per aumentarne il benessere, lo staff zoologico e veterinario del parco ha voluto adottare degli accorgimenti utili a preservare gli ospiti del Bioparco romano. Per ciascuni esemplari, soluzioni diverse per contrastare il caldo torrido. Alcune anche buffe, ma pur sempre efficaci. Continuate a leggere l’articolo per sapere gli accorgimenti anti-caldo adottati!

    Per i tre fratelli orsi (Sandro, Nino e Luca) di quattordici anni il team del Parco ha installato una piscina dove i tre giganti possono sguazzare in completa allegria, inoltre, sempre lo staff provvede a far trovare agli orsi frutta fresca (angurie e meloni di stagione) e pesce decongelato.

    Anche per le due elefantesse asiatiche Nelly e Sofia il trattamento è simile, ma con un’aggiunta: oltre a una grande vasca, per loro ci sono a disposizione delle “docce” rinfrescanti attivate dai loro guardiani.

    Per gli scimpanzè e i lemuri, invece, lo staff zoologico mette a disposizione canne di bambù contenenti all’interno dello yogurt e frutta congelati. Snack golosissimi, freschissimi che gli animali non possono fare a meno di apprezzare!

    Ci sono poi altre specie di scimmie, come i macachi del Giappone, che hanno anch’essi come i più mastodontici animali, delle piscinette dove poter fare delle nuotate e dei tuffi dall’alto degli alberi (pesso regalano agli spettatori dello zoo delle bellissime esibizioni).

    Per quanto riguarda i leoni asiatici, le tigri e i licaoni, questi possono contare su delle fontane installate per donare loro un pò di frescura ogni qualvolta ne abbiano bisogno. Inoltre, vengono fornite loro porzioni di cibo ridotte rispetto alle dosi invernali e una dieta prevalentemente a base di carne bianca.

    557

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnimaliAnimali SelvaticiTutela AmbientaleMonitoraggio ambientale
    PIÙ POPOLARI