Ambiente: CEO2, un videogioco per imparare a rispettare il clima

Ambiente: CEO2, un videogioco per imparare a rispettare il clima

CEO2 è un videogioco per imparare a rispettare l’ambiente

da in Clima, Conservazione ambiente, Emissioni, Impatto Zero, WWF
Ultimo aggiornamento:

    ambiente ceo2

    Imparare a rispettare l’ambiente. È questo lo scopo principale di un originale videogioco ideato e realizzato dal WWF con la collaborazione di Allianz e di Lgm Interactive. Il nome del videogioco è CEO2, che già nella sua denominazione è tutto un programma. CEO2 ricorda infatti la parola CEO, ossia amministratore delegato, e Co2, il simbolo che indica l’anidride carbonica. I giocatori devono in sostanza gestire il budget aziendale e devono avere allo stesso tempo la capacità di salvaguardare il clima. Un obiettivo non semplice e che prospetta quello che potrebbe essere uno scenario futuro.

    Molto di ciò che riguarderà l’impatto ambientale dipenderà anche dal modo in cui le aziende riusciranno a gestire i loro obiettivi in termini economici , che hanno dei risvolti fondamentali anche sul clima con le emissioni di biossido di carbonio. Si tratta di un videogioco on line, che consente di cimentarsi nella ricerca delle energie rinnovabili, ma che permette anche di esaminare i possibili pericoli per l’ambiente che ogni investimento comporta. Il tutto tenendo d’occhio la riduzione delle emissioni.

    I giocatori devono cercare di conciliare economia e ambiente e, se vogliono, possono anche contattare un gruppo ambientalista per chiedere specifici consigli per costruire un modello di azienda ad emissioni zero.

    Un obiettivo ambizioso, che tuttavia è fondamentale per fare in modo che venga limitato l’aumento della temperatura e per scongiurare le conseguenze disastrose determinate dai mutamenti climatici.

    In questo deve impegnarsi tutto il settore energetico. Forse serve più di un semplice videogioco, ma questo rappresenta un buon inizio, almeno per un’opera di sensibilizzazione.

    Immagine tratta da: www.100ambiente.it

    338

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ClimaConservazione ambienteEmissioniImpatto ZeroWWF
    PIÙ POPOLARI