Alluvione in Veneto: Zaia chiede l’aiuto di tutti

Alluvione in Veneto: Zaia chiede l’aiuto di tutti

A cinque giorni dal nubifragio che ha letteralmente flagellato il Veneto (padovano e vicentino nello specifico), il governatore regionale Luca Zaia chiede l'aiuto di banche, governo e cittadini

da in Conservazione ambiente, Primo Piano, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    alluvione veneto casalserugo

    A cinque giorni di distanza dall’alluvione che ha colpito la regione Veneto, il governatore regionale Luca Zaia alza bandiera bianca. “Il Veneto è in ginocchio, e ha bisogno dell’aiuto di tutti“, dichiara pubblicamente. E chiede dunque una vasta cooperazione che, sembra, non stia tardando ad arrivare. Pare che alcune banche abbiano già in mente di elargire dei fondi e provvedimenti straordinari alla luce dell’accaduto (contribuzioni speciali e moratorie sulle rate dei mutui delle prime case). Ma non basta, perchè Zaia vuole 1 miliardo dal Governo e l’aiuto di volontari-volenterosi.

    Luca Zaia sostiene infatti che il suo “è un grido di aiuto che non è rivolto solo al governo, a cui chiediamo un miliardo di euro, ma a tutti i cittadini volenterosi che magari ricordano un qualche aiuto avuto dal Veneto in tutti questi anni“. Una riconoscenza più che richiesta, suona come dovuta, ma che siamo sicuri verrà premiata in questo bruttissimo momento che sta attraversando la regione Veneto. Ma ricordiamo non essere la sola regione del nord Italia flagellata dal maltempo, bensì una delle tante regioni italiane a rischio continuo.

    Il bilancio attuale del disastro parla di 3 morti, più di 3mila sfollati, oltre 500mila persone in stato di disagio.

    I Comuni coinvolti sono in tutto 121. Una situazione che ricorda da vicino il disastro dello scorso anno nel messinese. Secondo lo stesso governatore veneto, quella del nubifragio è stata una sottolovalutazione nazionale. Questo “trascuramento”, adesso, implica il bisogno di risorse e ricostruzioni, dei caseggiati coinvolti ma, prima di tutto, degli argini del fiume trasbordato. “Non abbiamo la politica del fazzolettino sempre pronto per il finto pianto, ma questa volta non abbiamo neanche le lacrime e la situazione è veramente grave“, conclude Zaia.

    I cittadini e lettori di Ecoo di buon cuore possono fare delle donazioni spontanee alle seguenti coordinate bancarie: Unicredit Banca – IBAN IT 62 D 02008 02017 000101116078. Le operazioni di versamento o bonifico effettuate da circuito Unicredit non avranno alcuna spesa aggiuntiva nè oneri di commissione.

    388

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conservazione ambientePrimo PianoTutela Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI