Alimentazione sostenibile: fare attenzione ai cibi ricchi di pesticidi

Alimentazione sostenibile: fare attenzione ai cibi ricchi di pesticidi
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

frutta_verdura_alimenti_biologici_pesticidi

L’alimentazione sana e la cucina naturale sono alla base dello stare bene, per i singoli individui ma anche -come spesso abbiamo avuto modo di ricordarvi- anche per la sostenibilità ambientale. Non a caso, infatti, i prodotti alimentari derivanti da agricoltura biologica sono più gustosi e nutrienti, anche se spesso sono anche più costosi. Una scelta di consumo critico importante, che continuiamo a suggerirvi di perseguire, anche se dovete prestare molta attenzione. A dirlo non siamo solo noi, ma anche e soprattutto la Shopper’s Guide to Pesticides in Produce.

Questa guida, giunta ormai alla sua ottava edizione, racconta di tutte le varietà di frutta e verdura che invece di essere coltivate secondo i criteri di agricoltura biologica sono ricche di pesticidi. L’elenco, realizzato dalla Environmental Working Group, contiene ben 45 tipi di frutta e verdura, che sono stati pazientemente ordinati in base alla quantità di pesticidi che sono stati riscontrati.

Gli esperti hanno dunque analizzato ben 60700 campioni, davvero un numero importante, sottoponendoli a rigidi esami di laboratorio e monitorando i risultati. Potreste dunque restare molto sorpresi dalle dodici varietà di prodotti naturali che invece contengono i più alti livelli di pesticidi.

La mela, ad esempio, raggiunge il primato della lista per quantità di pesticidi, ma se invece si vuole valutare con quanti diversi tipi è trattato un alimento proveniente dalla terra, il record lo detengono uva e peperoni, per i quali si utilizzano ben 15 varianti di pesticidi. Tutti i campioni di pesche noci studiati, ad esempio, sono risultati positivi ai testi: vuol dire che di questo frutto il 100% è trattato utilizzando pesticidi. Davvero tristi questi risultati, soprattutto per prodotti che spesso vanno a comporre la nostra famosa dieta mediterranea. Insieme a questi si vanno poi ad aggiungere il sedano, le pesche (non solo, dunque, le pesche noci), le fragole, gli spinaci, la lattuga e i cetrioli, per non parlare delle patate e del cavolo verde. Oltre a contribuire all’inquinamento ambientale, infatti, questi prodotti spesso non hanno quelle caratteristiche che ce li potrebbero far ritenere prodotti naturali, da alimentazione biologica. Massima attenzione dunque, soprattutto dai fornitori da cui scegliete di rifornirvi.

photo: mralan

417

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 22/06/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici