10 ingredienti di origine animale nei cosmetici

Alcuni ingredienti di origine animale sono utilizzati nei prodotti cosmetici all’insaputa dei consumatori. Fra questi elementi, il midollo di bue, la lanolina, il collagene e l’elastina.

da , il

    Ci sono degli ingredienti di origine animale nei cosmetici. Molte volte non ne siamo a conoscenza e compriamo determinati prodotti, senza prestarci molta attenzione. Invece sarebbe importante conoscerne l’esistenza, specialmente se portiamo avanti uno stile di vita vegan. Negli ultimi tempi si è parlato molto di sperimentazione sugli animali e in questo caso si tratta di molto di più, perché, non solo questi cosmetici non sono cruelty free, ma contengono degli elementi di derivazione animale, che vanno decisamente contro ogni forma di rispetto nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Scopriamo insieme quali sono questi ingredienti.

    Cheratina

    La cheratina è uno degli ingredienti più usati nel trattamento dei capelli. Forse non tutti sanno che questa sostanza si trova nella criniera, nelle piume e nelle corna di vari animali. Il suo uso potrebbe essere evitato, anche perché esistono delle alternative vegetali piuttosto efficaci, come, ad esempio, l’olio di amla e le proteine della soia.

    Squalene

    Lo squalene è un composto che viene ricavato dal fegato degli squali. Di solito in cosmetica viene utilizzato per dare ad alcuni prodotti un’azione lubrificante o emolliente. Si potrebbe anche utilizzare dell’altro, come l’olio di germe di grano oppure l’olio di crusca di riso.

    Midollo di bue

    Il midollo di bue fino a qualche anno fa era molto usato soprattutto nei prodotti per i capelli. In particolare veniva impiegato per realizzare prodotti nutrienti, per avere capelli più forti. Come al solito il nostro punto di riferimento deve essere l’etichetta, evitando l’acquisto dei prodotti con gli ingredienti indesiderati.

    Carmine

    Il carmine è chiamato anche cocciniglia ed è un colorante. Di solito viene utilizzato per colorare prodotti cosmetici con le tonalità del rosa e del rosso. Questo colorante è estratto dalle uova di un insetto sudamericano. Come alternative vegetali sono indicati il succo di barbabietola e l’annatto, che si ricava dalle piante.

    Lanolina

    La lanolina è una sostanza che viene prodotta dalla pelle di pecora. In natura serve a proteggere l’animale, ma nel suo utilizzo industriale viene impiegata come idratante, soprattutto per i cosmetici e per il trattamento delle unghie e dei capelli. Anche in questo caso è possibile sostituire la lanolina con ingredienti di origine vegetale.

    Muschio

    L’idea animal free sarebbe quella di ricorrere all’impiego dei muschi sintetici, che di solito vengono utilizzati nei profumi, per dare una speciale fragranza. Tuttavia, secondo la tradizione, il profumo al muschio di solito viene ottenuto dai genitali di alcuni animali, come la lontra e il castoro.

    Collagene ed elastina

    Il collagene e l’elastina sono alcune proteine che sono presenti nel tessuto connettivo degli animali. Di solito vengono impiegati nei prodotti idratanti, per dare più freschezza ed elasticità alla pelle. Anche in questo caso ci sarebbe un’alternativa: le versioni sintetiche.

    Ambra grigia

    L’ambra grigia viene utilizzata nella produzione dei profumi e di altri cosmetici. Esistono degli ingredienti sintetici o dei fissativi vegetali, che costituiscono delle ottime alternative. Eppure molto spesso si continua a ricorrere agli animali: l’ambra grigia viene prodotta dall’intestino dei capodogli, quando essi ingeriscono delle sostanze irritanti.

    Acido stearico

    L’acido stearico si ricava dal grasso del maiale, del montone o del manzo. Viene utilizzato come aggregante, soprattutto nella produzione del sapone. Invece del grasso animale, si potrebbero utilizzare gli oli vegetali, come, per esempio, quello di cocco.

    Acido ialuronico

    L’acido ialuronico in cosmesi viene utilizzato per trattare le rughe. Anch’esso può essere di origine animale, derivato dalle creste di gallo, o di origine batterica.